Pareti hi-tech in HIMACS per la nuova mostra espositiva al Deutsches Museum 

Oltre 10.000 mostre al Deutsches Museum di Monaco di Baviera attirano ogni anno circa 1,5 milioni di appassionati di scienza e tecnologia. L'hi-tech è tra i capisaldi del museo, così come la nuova mostra dedicata al mondo della chimica, che ha scelto HIMACS per la progettazione degli spazi espositivi.

La nuova mostra dedicata al mondo della chimica ha inizio dai laboratori storici del Medioevo, per poi proseguire nell’area di sperimentazione – comprensiva di un laboratorio pratico – e all’auditorium. Così fino ad arrivare alla grande sala espositiva, che mostra l'importanza della chimica nella vita di tutti i giorni: dalla cosmesi e all’alimentazione, al tempo libero, sport ed edilizia.

La nuova mostra permanente è stata progettata dal rinomato studio di architettura Ambos & Weidenhammer di Monaco di Baviera. Il concept del progetto si sviluppa sulla suddivisione per aree tematiche: le diverse zone del sapere, infatti, si separano l’una dalle altre grazie a pareti cilindriche che ne delimitano gli spazi.

L’esposizione racconta l’universo della chimica in modo semplice e accessibile a tutti attraverso testi ed elementi interattivi. Molti reperti datati sono assolutamente unici nel loro genere, basti pensare al famoso tavolo a fissione nucleare con equipaggiamento originale.

È proprio qui che Otto Hahn, Lise Meitner e Fritz Straßmann eseguirono i loro esperimenti con i sali di uranio, che portarono alla prima fissione di un nucleo atomico nel 1938.

Il design di HIMACS segue perfettamente il concetto tematico

Le singole aree e le loro pareti cilindriche, realizzate nel materiale Solid Surface HIMACS, attirano i visitatori sia per la loro bellezza sia per l’interesse degli argomenti trattati. Forme affascinanti che si inseriscono nelle strutture a doppia parete invitano a immergersi nel mondo molecolare di ogni postazione. Il design delle pareti in HIMACS è progettato secondo il tema di ogni postazione: per il tempo libero e lo sport, ad esempio, le pareti presentano un'immagine microscopica astratta di fibre di plastica, mentre per i cosmetici, sono state scelte forme rotonde simili a bolle come a ricordare l’effetto “spumoso” del bagnoschiuma.

Particolare è l’area nutrizionale, che presenta sulle pareti la struttura microscopica di un guscio d'uovo, una superficie che non potrebbe essere più fine, sorprendente o complessa. Questa specifica lavorazione ha rappresentato una vera e propria sfida per HIMACS. L'implementazione ha, infatti, richiesto specialisti assoluti come Körling Interiors GmbH & Co. KG di Dortmund, che ha collaborato con Georg Ackermann GmbH di Wiesenbronn per dare la giusta forma al Solid Surface.

 

Il progetto ci è piaciuto molto", afferma Joachim Lutz, Project Manager commerciale di Georg Ackermann GmbH. “Questo richiedeva molto più di una soluzione standard. Ci siamo affidati alla nostra esperienza soprattutto per quanto riguarda le dimensioni delle pareti espositive, sia in termini di progettazione, programmazione e preparazione dei dati in anticipo, sia per l'installazione degli elementi finali in loco”. Come al solito, HIMACS ha fatto un eccellente lavoro; questo materiale Solid Surface è, infatti, resistente come la pietra ma facile da lavorare come il legno, caratteristica che consente di fresare forme estremamente sottili nelle pareti con estrema precisione.

HIMACS è composto da acrilico, minerali e pigmenti e può essere termoformato per creare design tridimensionali. La pietra acrilica di ultima generazione consente di ottenere superfici lisce, non porose e prive di giunti visibili, garantendo i più elevati standard di estetica, durata e igiene. I certificati standard DIN ed EN confermano, inoltre, la bassa infiammabilità di HIMACS, rendendo il materiale Solid Surface ideale per l'uso in spazi pubblici come i musei, dove la sicurezza antincendio è tra le massime priorità. Inoltre, HIMACS – nel caso di molti colori – soddisfa i criteri del test Oddy, requisito fondamentale nel settore museale, in particolare per le vetrine che ospitano reperti sensibili o storici.

 

Il risultato è davvero straordinario, come afferma la curatrice della mostra Susanne Rehn-Taube. “Il design con le sue postazioni semichiuse si rivela un successo durante i tour. Ai visitatori e agli esperti di musei piace questa interpretazione moderna della chimica”.

Cliccare qui per leggere il testo integrale delle novità Cliccare qui per nascondere le novità
Cliccare qui per leggere il testo integrale delle novità Cliccare qui per nascondere le novità

Media disponibili

Latest Stories

 
leggi tutto leggi tutto
24/01/2023
HIMACS scelto per la ‘TV House’ in Belgio
 
leggi tutto leggi tutto
09/01/2023
Pareti hi-tech in HIMACS per la nuova mostra espositiva al Deutsches Museum
 
leggi tutto leggi tutto
13/12/2022
Un loft da sogno a Eindhoven